Il progetto Fast and Furio Sailing Team

Il Team di vela Fast and Furio Sailing nasce con l’idea di far comprendere e promuovere, non solo nel mondo della vela, l’importanza del lavoro di gruppo, della sinergia tra le persone e di come con l’azione collettiva dei suoi membri si ottengano risultati maggiori rispetto all’azione dei singoli. Fast and Furio Sailing Team ambisce a diventare il mezzo per veicolare questo importante messaggio adesso e nel futuro.

L’equipaggio

L’equipaggio, schiera una serie di giovani triestini e come sottolinea Furio Benussi, il project manager della vela: “La filosofia del progetto, è proprio quella di lavorare e far crescere le giovani generazioni. Un progetto a 360 gradi. Non solo in mare ma anche a terra, a livello imprenditoriale e di organizzazione di eventi.”

L’imbarcazione

L’attuale imbarcazione del Fast and Furio è l’ARYA 415 di Arya yachts che ha vinto il campionato Europeo ORC 2016. Questo velocissimo 42 piedi è un Racer Cruiser nato dallo Studio Lostuzzi Yacht design. L’ARYA 415 è nato per armatori esigenti che desiderano vivere la barca tutto l’anno partecipando ai massimi livelli nelle regate classe ORC International o IRC. In acqua la barca ha comportamento molto “all round” sia come intensità di vento sia come andatura, con delle prestazioni in reale vicine a barche di 45’ – 50.

In precedenza il Team ha gareggiato con lo Schockwave, che è un Maxi72 progettato da Reichel Pugh per Neville Crichton. E’ stato costruito da McConaghy e presentato nel 2008 come Alfa Romeo III. Nel settembre del 2008 ha vinto la MaxiYacht Rolex Cup, con Torben Grael come skipper. Successivamente con George Sakellaris come proprietatrio ha cambiato nome in Schokwave è ha vinto due volte la Newport Bermuda Race, la Carribean 600, Key West race week, Montego Bay Race and Giraglia, solo per citarne alcune tra le più prestigiose.

Presentazione del Fast and Furio Sailing Team